Attività di Mantenimento

Nonostante il Progetto si sia concluso nel 2014 è fondamentale mantenere quanto realizzato nel tempo per salvaguardare i risultati raggiunti e consentire al popolo Saharawi di continuare a essere autosufficiente nella gestione della celiachia.

A maggior ragione se prendiamo in considerazione anche eventuali criticità come quanto avvenuto nell’autunno 2015. Nel mese di Ottobre dopo giorni di incessante pioggia il campo dove vive in esilio il popolo Saharawi ha subito un grave allagamento. Purtroppo, tra le conseguenze del maltempo, sono stati riscontrati anche danni alla muratura dell’ambulatorio sebbene le attrezzature mediche siano state tratte in salvo. Tra le altre strutture danneggiate anche i depositi delle scorte alimentari, compresi gli alimenti destinati a gruppi vulnerabili della popolazione come gli 800 celiaci che qui vivono e che devono seguire la dieta senza glutine.

All’inizio del 2016 è stato firmato un accordo tra AIC e CISP – Comitato Internazionale per lo Sviluppo dei Popoli, organizzazione non governativa che dal 1984 è impegnata nei campi di rifugiati con attività di solidarietà e programmi umanitari. L’accordo prevede di utilizzare alcuni servizi di assistenza operativa di CISP per conservare una parte dei servizi essenziali di mantenimento delle attività nei campi dopo la chiusura del progetto. AIC, per questa prima attività di mantenimento, ha destinato 6000 Euro.

Le esigenze attuali

-       Continuare a formare le famiglie locali sulla dieta senza glutine

-       Acquistare i kit diagnostici necessari all’ambulatorio

-       Mantenere il mezzo fuoristrada indispensabile ai medici in servizio nel deserto

-    Acquistare un componente tecnico fondamentale per completare la colonna endoscopica in dotazione al dipartimento dal 2013

Per ogni informazione ecanepa@celiachia.it

top