accedi-icon

Eucarestia

Share on facebook
Share on twitter
Ostie per celiaci

Anno 2017. Gli organi di stampa hanno recentemente diffuso la lettera ai Vescovi della Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti, evidenziando e distorcendo il significato della parte del documento riferita alle ostie senza glutine. Ciò ha creato un immotivato allarmismo tra i fedeli cattolici celiaci, perché, in realtà, il nuovo documento non aggiunge nulla di nuovo a quanto già a conoscenza e diffuso da AIC.

La lettera interviene per regolamentare un mercato in evoluzione, dove le ostie per la celebrazione dell’Eucarestia “si vendono anche nei supermercati, in altri negozi e tramite internet”, spesso anche con caratteristiche non idonee alla disciplina vigente.

Il documento ribadisce quanto già sancito a suo tempo e richiama, a questo scopo, proprio la “Lettera Circolare ai Presidenti delle Conferenze Episcopali circa l’uso del pane con poca quantità di glutine (…)” del 2003, in cui sono contenute le norme relative all’eucaristia per i celiaci cui AIC ancora fa riferimento.

In conformità alle norme stabilite dalla Congregazione per la Dottrina della Fede, la materia prima impiegata nelle ostie è l’amido di frumento (lettera circolare del 19 giugno 1995 ai Presidenti delle Conferenze Episcopali):“le condizioni di validità della materia per l’Eucaristia sono le ostie nelle quali è presente la quantità di glutine sufficiente per ottenere la panificazione senza aggiunta di materie estranee e purché il procedimento usato per la loro confezione non sia tale da snaturare la sostanza del pane”.

Ciò significa che le particole, per essere conformi alle norme ecclesiastiche ed essere quindi materia valida per l’Eucarestia, devono contenere glutine, anche se in quantitativi minimi.

Tenuto in considerazione il quantitativo di particola assunta dal fedele, sono considerate idonee al celiaco sia le ostie garantite “senza glutine” (contenuto massimo di glutine di 20 mg/kg) sia le ostie “con contenuto di glutine molto basso” (contenuto massimo di 100 mg/kg).

DOVE TROVARE OSTIE PER CELIACI

Alcune aziende ci hanno comunicato di commercializzare anche ostie per celiaci, conformi quindi alla dottrina liturgica e al contempo idonee al consumo da parte dei pazienti.

Ostie “con contenuto di glutine molto basso”:

  • SICOM DI BETTENI ALBERTO & C. SAS, Via ARTIGIANALE, 49 – 25010 MONTIRONE (BS) Tel. 030 2500444 – Fax 030 2703178
  • Franz HOCH GmbH, Hostien-und Oblatenfabrik, Postfach 1465 – D 63884 MiltenbergamMain (Germania).

Le ostie di questa azienda sono commercializzate in Italia dalle ditte:

  • ARS NOVA S.A.S. ARTE SACRA, di Marina GNUTTI & C. sas, Via TOSIO,1 – 25121 BRESCIA Tel. 030 3755124 – Fax 030 46816
  • ARTESACRA di CANDOTTI M. SAS, Via TREPPO, 1 – 33100 UDINE Tel. 0432 502065 – Fax 0432 502065
  • DESTA INDUSTRIE SRL, Via Carfellà, 49 – 88040 – SETTINGIANO (CZ) Tel. 0961 998585 – Fax 0961 998685


Ostie “senza glutine”:
CharistiaLukaszCieslikSp. J. Ul. Kalinowa 10 43-340 Kozy (POLONIA).
Le ostie di questa azienda sono commercializzate in Italia dalle ditte:

  • MESSAGGERO DISTRIBUZIONE SRL, Viale NAVIGAZIONE INTERNA, 103 – 35027 Noventa Padovana (PD) Tel. 049 8603132- Fax 049 8363883 – Mailliturgica@libreriemsa.it
  • OSTIFICIO MORREALE, Via G. AMBROSINI, SNC – 92100 Agrigento (AG) Tel. 0922436234 – Fax 09221860130 – Mail: agmoemo@gmail.com; info@ostificiomorreale.com – Sito Web: www.ostificiomorreale.com

Indicazioni pratiche per la somministrazione della Comunione senza glutine

Riportiamo inoltre qui di seguito alcune indicazioni rivolte a quanti, anzitutto sacerdoti, diaconi, ministri straordinari dell’Eucarestia, sono coinvolti, per il loro ministero liturgico, alla gestione e somministrazione delle particole ai fedeli celiaci:

  • ai parroci è richiesta un’attenzione particolare nel conoscere coloro che, nella propria parrocchia, sono celiaci: nella consapevolezza che essa comporta, oltre a disturbi fisici anche rilevanti, non poco disagio e difficoltà per l’alimentazione quotidiana. Siano particolarmente attenti al problema nel corso della preparazione dei bambini alla Messa di Prima Comunione e ne informino, se opportuno, i catechisti;
  • si consiglia di conservare in ogni parrocchia (in modo particolare nelle località di afflusso turistico) una quantità adeguata di ostie per celiaci. Dette ostie devono essere conservate in un contenitore a parte, in modo da evitare qualsiasi forma di contaminazione con ostie normali o con altri prodotti confezionati con farine con glutine (frumento, orzo, segale, farro);


Nella celebrazione eucaristica, si tengano presenti, in particolare, le seguenti precauzioni
:

  • per la Consacrazione, le ostie siano poste in una pisside a parte, chiusa, facilmente riconoscibile in modo tale da evitare ogni forma di contatto con le ostie “convenzionali”; si consiglia anche che chi prepara quanto necessario al rito e il celebrante presti attenzione ad evitare che briciole di ostie “convenzionali” possano contaminare le ostie senza glutine;
  • per la distribuzione della Comunione valgono le stesse precauzioni onde evitare possibili contaminazioni. Laddove possibile, poiché la norma liturgica lo consente, si può prevedere che sia lo stesso fedele celiaco a prendere la particola senza glutine dalla pisside dedicata che gli verrà offerta da un sacerdote/diacono/ministro straordinario dell’Eucarestia. Nel caso in cui la Comunione venisse invece somministrata direttamente dal sacerdote/diacono/ministro straordinario dell’Eucarestia questo deve essersi prima lavato le mani in caso di precedente contatto con ostie e particole tradizionali
  • nelle parrocchie ove siano presenti celiaci ammalati o anziani, che non possono partecipare alla S. Messa e desiderino ricevere la Comunione Eucaristica, si provveda a conservare nel Tabernacolo la quantità necessaria di Pane Eucaristico, fatto con ostie per celiaci, in una pisside chiusa e facilmente distinguibile, dalla quale attingere per la Comunione fuori della S. Messa;
  • quando, secondo le occasioni previste dalle norme liturgiche, i fedeli sono ammessi alla Comunione sotto le due specie o anche se, per qualche ragione straordinaria (per esempio in mancanza delle ostie per celiaci), i celiaci fanno la comunione al Calice, si tenga presente: di evitare di comunicare il celiaco al calice nel quale è sta fatta la immixtio con un frammento del pane eucaristico normale; si consacri, per questi casi, il vino necessario in un altro calice a parte, nel quale non si farà la immixtio.
  • AIC suggerisce di evitare manovre o atteggiamenti che possano far sentire “diversi” i fedeli celiaci, soprattutto i più piccoli, applicando queste piccole attenzioni senza darne troppa evidenza al resto dell’Assemblea.
  • è possibile attenuare ulteriormente queste problematiche prevedendo, per momenti importanti come quelli della Prima Comunione e della S. Cresima in cui siano presenti minori celiaci, la Comunione per tutti con ostie per celiaci.

Di seguito le più importanti uscite sugli organi di informazione:

Share on facebook
Share on twitter