accedi-icon

Elior e AIC: per la prima volta la Spiga Barrata entra nella ristorazione collettiva

Condividi su facebook
Condividi su twitter

Le due realtà collaborano per assicurare agli ospiti celiaci pasti sicuri, bilanciati e in grado di garantire maggiore inclusione

Milano, 23 Novembre 2020 – Elior, realtà leader nella ristorazione ed AIC – Associazione Italiana Celiachia, siglano un accordo per dotare i pasti confezionati serviti nei ristoranti aziendali del marchio Spiga Barrata, il logo che orienta in modo decisivo il consumatore celiaco perché garanzia del rispetto dei rigorosi standard AIC. Si tratta della prima collaborazione nel settore della ristorazione collettiva, con la possibilità per Elior di utilizzare il Marchio in esclusiva per un anno.

La partnership ha la finalità di garantire agli ospiti delle ristorazione aziendale un’offerta ricca e variegata di piatti senza glutine sottoposti preventivamente alle verifiche di AIC, allo stesso tempo corretti e bilanciati dal punto di vista nutrizionale. Inoltre, il progetto riconosce l’importanza del pasto a livello sociale, consentendo ai celiaci che pranzano presso i ristoranti aziendali di scegliere i piatti da consumare in base ai propri gusti e alla dieta desiderata, come tutti gli altri utenti.

Grazie all’innovativa linea iColti in Tavola di Elior, piatti pronti confezionati in ATP (Atmosfera Protettiva) in oltre 400 varianti, tra cui diverse opzioni gluten free e verificate da AIC, gli utenti che soffrono di celiachia possono fruire di servizi avanzati come il welfare@home. Una soluzione innovativa, che tiene conto del contesto attuale con un grande numero di lavoratori in smart working e che allo stesso tempo fornisce la possibilità alle azienda di estendere gli strumenti per il benessere dei lavoratori anche casa.

Per ottenere la licenza della Spiga Barrata, Elior si è sottoposta al rigoroso controllo di AIC, che ha verificato la cucina centrale di Zola Predosa (BO). Lo stabilimento, che si è dotato di una linea interamente dedicata ai pasti gluten free, con l’adozione di processi specifici per garantire la massima sicurezza della produzione, sarà auditato regolarmente da AIC.

“Crediamo che tutti i nostri clienti abbiano diritto ad un pasto sano, buono e vario, a prescindere da eventuali ulteriori esigenze di chi deve seguire una dieta di esclusione e per questo siamo molto fieri di essere la prima realtà della ristorazione collettiva a ottenere il gold standard del senza glutine da parte di un partner riconosciuto come AIC. Grazie all’applicazione di nuove tecniche di confezionamento e la verifica dei nostri processi, siamo oggi in grado di offrire ai celiaci un’offerta altamente personalizzata, con varietà e gusto, al pari di tutti gli altri nostri utenti” sottolinea Rosario Ambrosino, Amministratore Delegato di Elior.

“Siamo molto soddisfatti di aver fatto un ulteriore passo avanti per normalizzare la vita delle persone celiache in un settore fondamentale come quello della ristorazione collettiva, in cui ancora oggi non è scontato poter trovare un servizio che sappia coniugare l’assenza di glutine con un pasto vario e bilanciato. Si tratta di una novità importante per le persone che ogni giorno si trovano di fronte all’esigenza di soddisfare il proprio bisogno di salute attraverso un’alimentazione gluten free, affiancandosi agli altri settori del fuori casa con cui già da diverso tempo condividiamo l’obiettivo di rendere sicuro il pasto dei celiaci” commenta Giuseppe Di Fabio, Presidente di AIC – Associazione Italiana Celiachia.

 
Ufficio comunicazione AIC

Elisa Canepa
ecanepa@celiachia.it 

 

Ufficio stampa Elior

APCO Worldwide
Apco4elior@apcoworldwide.com

Elena Bonatti – 345 945 1760

Alberto Bellini – 334 296 5262

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Torna al sito regionale

Questo sito web utilizza cookies tecnici e di terze parti, anche di analisi statistica, al fine di migliorare l’esperienza di navigazione e le funzionalità. I cookie di analisi possono essere trattati per fini non tecnici dalle terze parti. Per avere maggiori informazioni e negare il consenso ai cookies clicca qui