accedi-icon

Cosa c’è dietro il marchio Spiga Barrata

Share on facebook
Share on twitter

Oltre

0
prodotti sul mercato

Oltre

0
Aziende con prodotti licenziatari

Oltre

0 %
la crescita dei prodotti negli ultimi 10 anni

Oltre

0
stabilimenti verificati da AIC nell’ultimo anno

Tutti gli stabilimenti produttivi di prodotti licenziatari della Spiga Barrata vengono verificati ogni anno da personale tecnico qualificato che conduce visite ispettive (audit) per valutare la conformità ai requisiti tecnici del Disciplinare del sistema gestionale aziendale, applicando le procedure di audit previste dal Regolamento di concessione.

Il Disciplinare tecnico di concessione del Marchio richiede infatti alle Aziende di soddisfare specifici requisiti di produzione, gestione e controllo al fine di garantire sui prodotti licenziatari il contenuto in glutine non superiore ai 20 ppm e richiede alle Aziende di fornirne evidenza nel corso degli audit.

Durante ogni visita ispettiva, l’auditor esamina la documentazione del sistema di gestione aziendale e conduce ispezioni all’intero sito produttivo, impianti di produzione, aree di magazzino, locali accessori, intervistando su ciascun aspetto il personale addetto.

Tutte le fasi del processo produttivo, di confezionamento e stoccaggio dei prodotti vengono ricostruite ed esaminate ripercorrendo la check list di audit prevista dal Regolamento, lo strumento fondamentale che consente di esaminare e valutare in maniera sistematica ed oggettiva tutti i requisiti del Disciplinare nonché di elaborare il report di audit con le evidenze raccolte.

L’approfondito esame del sistema di autocontrollo aziendale, che prevede il coinvolgimento delle figure aziendali responsabili, parte dall’esame dell’analisi del rischio di contaminazione da glutine in ogni fase del processo produttivo e prosegue con la verifica dettagliata delle procedure e delle istruzioni operative, documentate ed applicate a:

  • formazione del personale;
  • qualifica delle materie prime (ingredienti) e dei fornitori;
  • piani di campionamento e controllo analitico su materie prime e prodotti finiti;
  • sanificazione degli impianti e relativi piani di validazione;
  • gestione di materie prime, semilavorati e prodotti finiti nei luoghi di produzione e di magazzino
 

Durante l’audit vengono inoltre prelevati campioni di materie prime e prodotti finiti che vengono inviati a Elenco laboratori Aprile 2020 per la quantificazione del contenuto in glutine.

L’audit si conclude con una riunione finale in presenza di tutte le funzioni aziendali responsabili in cui l’auditor comunica il risultato della visita ed esplicita le eventuali non conformità e osservazioni emerse, che verranno poi formalizzate nel rapporto di audit.

Le risultanze di ciascun audit costituiscono la premessa per l’audit successivo, in cui si attende di trovare risolte eventuali criticità rilevate e gestiti gli spunti di miglioramento indicati, così come il periodico susseguirsi di audit, condotti secondo una metodica standardizzata, costituisce il presupposto per il continuo miglioramento delle prestazioni delle Aziende di prodotti con Spiga Barrata.

Per ulteriori approfondimenti vedi anche gli articoli di CN:

Share on facebook
Share on twitter
Torna al sito regionale

Questo sito web utilizza cookies tecnici e di terze parti, anche di analisi statistica, al fine di migliorare l’esperienza di navigazione e le funzionalità. I cookie di analisi possono essere trattati per fini non tecnici dalle terze parti. Per avere maggiori informazioni e negare il consenso ai cookies clicca qui