accedi-icon

Presentata alla Camera l’interrogazione parlamentare sulla digitalizzazione dell’assistenza

Condividi su facebook
Condividi su twitter

Venerdì 5 Novembre è stata presentata alla Camera dei deputati l’interrogazione parlamentare [Onorevole Elisabetta Ripani] volta a velocizzare il processo di digitalizzazione dell’assistenza ai pazienti celiaci, in corso presso il Ministero della Salute e la Conferenza Stato Regioni.

Un obiettivo su cui lavoriamo da anni e che ha visto, nel tempo, sempre più regioni italiane adottare il buono digitale. Oggi mancano solo 4 regioni per completare la digitalizzazione in tutto il Paese: un traguardo fondamentale che, come dimostriamo da sempre con dati concreti, consente un notevole risparmio per il paziente e per il Sistema Sanitario Nazionale.

Qui il lancio diffuso da Adnkronos:

ADNKRONOS NAZIONALE SANITA’: CELIACHIA, RIPANI (CI)

‘COMPLETARE DIGITALIZZAZIONE E CIRCOLARITA’ DEI BUONI’ = “Per l’assistenza dei celiaci tra le Regioni e le P.A. italiane” Roma, 5 nov. – (Adnkronos) – “La celiachia è una malattia cronica che non prevede una cura. L’unica terapia per questa patologia consiste in una rigorosa alimentazione senza glutine con la previsione di buoni mensili per l’acquisto dei prodotti erogati dal Ssn, utilizzabili nei negozi, farmacie e grande distribuzione convenzionati con le Asl. Ad oggi 16 Regioni italiane, tra cui la Toscana, hanno sostituito i buoni cartacei con quelli digitali, con l’accredito sulla tessera sanitaria dell’importo mensile previsto, garantendo così una riduzione dei costi diretti, una rendicontazione trasparente e automatica ed una sanità più modernizzata”. Lo dichiara Elisabetta Ripani, deputata di Coraggio Italia. E’ da notare che vige un trattamento disomogeneo dei diritti dei celiaci tra regione e regione, che provoca disagi per l’accesso alla cura di questi pazienti. Non è infatti completato il sistema di circolarità del buono tra le diverse regioni italiane e la spendibilità resta pertanto ancora su base regionale – aggiunge Ripani – E’ fondamentale che vi sia una circolarità dell’assistenza su tutto il territorio nazionale, garantendo così l’accesso alla terapia ai pazienti che si spostano dalla regione di residenza per studio, lavoro o ogni altra ragione di mobilità. I provvedimenti restrittivi sulla circolazione durante il lockdown hanno messo in evidenza notevoli disagi subiti da quei pazienti bloccati in regioni differenti da quelle di residenza”. “Sulla base di queste considerazioni ho presentato un’interrogazione al Ministro della Salute, Roberto Speranza, ed al Ministro per gli Affari regionali, Mariastella Gelmini, per richiedere il completamento della digitalizzazione e circolarità del buono da uniformare su tutto il territorio nazionale. Un efficiente modello organizzativo, che permetterà un risparmio di risorse pubbliche ed un netto miglioramento della qualità della vita dei pazienti celiaci, che chiediamo venga affrontato anche in sede di Conferenza Stato – Regioni”, conclude l’onorevole Ripani. (Zto/Adnkronos). 

Le ultime news

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Torna al sito regionale

Questo sito web utilizza cookies tecnici e di terze parti, anche di analisi statistica, al fine di migliorare l’esperienza di navigazione e le funzionalità. I cookie di analisi possono essere trattati per fini non tecnici dalle terze parti. Per avere maggiori informazioni e negare il consenso ai cookies clicca qui