Licenze internazionali

Il Sistema Unico Europeo di Concessione del Marchio Spiga Barrata (European Licensing System, in breve ELS) è ufficialmente partito nel 2012 e alcune Associazioni Nazionali, compresa l’AIC, hanno iniziato a rilasciare  concessioni internazionali valide per il territorio europeo. Le aziende possono ottenere la licenza esclusivamente dall’Associazione Celiachia nel cui Paese di competenza è situata la sede legale aziendale (quindi le aziende italiane solo da AIC, quelle inglesi solo da Coeliac UK, ecc.). 
Siamo comunque ancora in una fase di sperimentazione, coordinata dall’AOECS, che durerà alcuni anni e che servirà a “testare” in ciascun paese europeo l’implementazione di procedure, che per alcune Associazioni sono del tutto nuove, e a rilevare eventuali problematiche e/o spunti di miglioramento.

È possibile verificare direttamente sul sito web dell’AOECS la lista dei prodotti licenziatari del Marchio Spiga Barrata e dei relativi codici identificativi.

Come verificare se un prodotto è regolarmente licenziatario della Spiga Barrata?

Controllare il codice riportato accanto o sotto il simbolo della Spiga Barrata. Le prime due lettere corrispondono al Paese di licenza (es. IT = Italy). Cliccando sul Paese qui si apre il registro dei prodotti in ordine crescente in base alla cifra numerica del codice.

Codici Paese:

BE = Belgium

CH = Switzerland

DK = Denmark

FI = Finland

DE = Germany

ES = Spain

GB = United Kingdom

GR = Greece

HU = Hungary

IE = Ireland

IT = Italy

MT = Malta

NL = The Netherlands

NO = Norway

PL = Poland

RO = Romania

RS = Serbia

SE = Sweden


Ricordiamo che, analogamente a quanto avviene in Italia, anche altre associazioni europee da anni concedono il marchio Spiga Barrata per i loro territori di competenza. Le modalità sono state fino ad oggi molto diverse da nazione a nazione, prevedendo, per la maggioranza dei casi, livelli di sicurezza minori rispetto allo standard di sicurezza garantito in Italia dall’AIC.

Inoltre, il quantitativo massimo di glutine ammesso era diverso da nazione a nazione. In alcuni paesi il marchio Spiga Barrata garantiva i 20 ppm, ma, in altri, i 100 ppm o addirittura i 200 ppm.

Oggi, il nuovo sistema unico europeo, sta portando tutti i paesi europei ad allinearsi su di un unico limite e su uno stesso schema di controlli e procedure di licenza, che garantiscono lo stesso livello di sicurezza.

 

Nell’attesa che questo processo di unificazione sia completato, i prodotti riportanti la Spiga Barrata che possono essere considerati adatti al celiaco sono:

-   i prodotti licenziatari dall’AIC 

-   i prodotti licenziatari dalle altre Associazioni nazionali secondo lo schema dell’ELS 

 

I codici

Ogni prodotto licenziatario secondo il nuovo sistema riporta la Spiga Barrata accompagnata da un codice, che identifica:

-   Il paese che ha rilasciato la concessione: per l’Italia, IT.

-   L’azienda produttrice (numeri crescenti da 01, 02, ecc. che identificheranno in maniera univoca ogni azienda).

-   Il prodotto stesso.

Ad esempio, il codice IT-94-56 potrebbe identificare il prodotto Crostatina al mirtillo dell’azienda italiana X, identificata dal numero 94, mentre il codice IT-94-57 potrebbe identificare la Crostatina alla fragola, sempre dell’azienda X.

 

Inoltre, alcuni prodotti possono riportare la parola “OATS” (avena) oppure la cifra 100. Vediamo perché e come regolarsi con questi prodotti.

I paesi del Nord Europa dove si fa uso di avena nei prodotti dietetici senza glutine non sono stati limitati dal nuovo Regolamento di concessione: possono concedere a questo genere di prodotti il marchio purché, accanto al codice, sia riportata la scritta OATS, che in inglese significa, appunto, avena .

Stessa politica si è mantenuta per i prodotti «con contenuto di glutine molto basso», cioè con un quantitativo di glutine tra i 20 ed i 100 ppm. (Anche in questo caso, per non limitare quei Paesi del Nord Europa dove, grazie a un ridotto apporto di fonti di glutine nella dieta, molto diversa da quella mediterranea, gran parte della popolazione celiaca ha da sempre consumato prodotti dietetici fino a 100 o anche 200 ppm, si è deciso di inserire la dicitura «100» accanto al codice del prodotto).

Anche in questo caso, non sono stati saranno limitati i Paesi del Nord Europa dove la popolazione, diversamente dall’area mediterranea, ha una dieta con minori fonti di glutine e da sempre consuma prodotti dietetici con valori anche fino a 200 ppm. Per questi Paesi si è deciso di ammettere la concessione del Marchio ai prodotti dietetici «con contenuto di glutine molto basso», inserendo la dicitura «100» accanto al codice del prodotto.

 

Per quanto riguarda queste tipologie di prodotti, ricordiamo che l’AIC non consiglia il consumo di alimenti a base di avena, se non presenti in Registro Nazionale degli Alimenti senza glutine, o con “contenuto di glutine molto basso”.

 

Colori

In questa fase di sperimentazione dell’ELS, il Logo concesso da AIC, oltre a riportare il codice, continuerà ad essere rosso su fondo bianco o bianco su fondo rosso, mentre nelle altre Nazioni, non essendoci vincoli di colore imposti dall’AOECS, potrà essere del colore eventualmente prescritto dall’Associazione o scelto dall’Azienda

 

Prontuario

Come già avviene per i prodotti in Registro Nazionale degli Alimenti senza glutine, che vengono inseriti in Prontuario solo previa specifica richiesta dell’azienda produttrice e regolare pagamento della quota di accesso, i prodotti con Marchio Europeo rilasciato da altre Associazioni estere e commercializzati in Italia non vengono inseriti di in Prontuario automaticamente, ma vengono inseriti solo se presentati dalle aziende, pagando regolare quota di accesso e presentando la documentazione tecnica richiesta.

Quindi: come NON TUTTI i prodotti in Registro sono in Prontuario,  neanche tutti i prodotti con la Spiga Barrata Europea sono in Prontuario, ma solo quelli delle aziende che aderiscono, volontariamente, a questo progetto AIC.

Viceversa, TUTTI i prodotti che hanno la Spiga Barrata concessa da AIC, sono inseriti in automatico nel Prontuario.

Copyright©2001, Associazione Italiana Celiachia Onlus. Tutti i diritti riservati. All rights reserved. Ogni diritto sulle banche dati è riservato.