Progetto Alimentazione Fuori Casa

Attenzione

Avviso agli utenti. AIC non cede né trasferisce ad altri siti internet* il proprio data-base di locali informati, per cui non è responsabile dell’attendibilità e dell’aggiornamento di altri siti dedicati alla ristorazione senza glutine.

Gli unici siti web che riportano l’elenco aggiornato ufficiale dei locali aderenti al progetto AFC AIC sono questo e i siti web di alcune AIC Locali (per i territori di competenza).

Ricordiamo che ogni diritto sulle banche dati AIC è riservato e coperto da copyright (vedi "note", in fondo alla pagina).

[*a esclusione dei siti internet dei servizi Buoni Pasto: BuonChef, Day Ristoservice, Pellegrini Card, Ticket Restaurant e Torna Qui!Ticket.]

(clicca sul logo AFC per attivare la ricerca delle strutture aderenti)

Il Progetto Alimentazione Fuori Casa nasce dall'esigenza dell'Associazione Italiana Celiachia di creare una catena di esercizi informati sulla celiachia che possano offrire un servizio idoneo alle esigenze alimentari dei celiaci. Puoi trovare tutti gli esercizi del network anche telefonando all‘89.24.24.

Il progetto Alimentazione Fuori Casa ha diverse componenti:
Progetto Ristorazione (Ristoranti, Pizzerie, Trattorie, Osterie, Alberghi, Hotel, Summer Camp, Village, Case Vacanze, Bar/Caffetterie, Bar/Tavola Calda, Paninoteche, Pub, Creperie, Enoteche, Catering, Sale Ricevimenti).
Progetto Gelaterie
Progetto Colazione
Progetto B&B
Progetto Barca a Vela
Progetti Speciali (Alimentazione in Viaggio, Coop. D.O.C., Soggiorni estivi, Crociere, Grom Gelaterie, Vending).

Ad eccezione dei Progetti Speciali, che prevedono percorsi particolari, essere un esercizio della catena significa:
- avere partecipato ad un Corso Base organizzato dalle AIC Regionali e/o da enti da AIC Onlus riconosciuti, sulla celiachia e sull’alimentazione senza glutine;
- avere ultimato la formazione con successivi incontri/corsi a cura dell'AIC Regionale;
- ricevere il materiale informativo dell’Associazione;
- consentire controlli periodici da parte dell'AIC Regionale;
- utilizzare prodotti tra quelli:

  • della categoria permessi (naturalmente senza glutine e non a rischio per i celiaci);
  • con notifica ministeriale, inseriti nel Registro Nazionale degli Alimenti senza glutine del Ministero della Salute con claim “dietetico senza glutine”;
  • presenti nel Prontuario degli Alimenti AIC - ultima edizione;
  • di uso corrente con claim “senza glutine”;
  • con marchio Spiga Barrata rilasciato da AIC


- attuare procedure per evitare la contaminazione da glutine dal processo di lavorazione sino:
a. al servizio a tavola della pietanza (Progetto Ristorazione);
b. alla distribuzione del gelato (Progetto Gelaterie);
c. al servizio a tavola della colazione (Progetto B&B, Hotel e Bar);
d. al servizio d’asporto*

Nella sezione FAQ sono indicate le modalità per gli esercenti per aderire ed è possibile scaricare il modulo di adesione.

Alcuni consigli:
- effettuare sempre la prenotazione con anticipo;
- il nome indicato dagli esercenti sulla Guida come "Referente" è la persona responsabile del servizio gluten free all'interno del locale, ma vi è l'obbligo per il titolare di garantire che tutto il personale sia debitamente informato sul servizio offerto;
- prima di ordinare farsi sempre riconoscere come cliente celiaco;
- non abbassare mai il livello di attenzione.

Prenotazione:
Alcune strutture non necessitano di prenotazione, ma in tutte le altre è assolutamente necessaria per permettere una buona organizzazione di cucina che risponda alle esigenze di sicurezza nell’elaborazione del menù senza glutine; non prenotare può significare, in molti casi, mettere in difficoltà l’esercente, difficoltà che può tradursi in una offerta inferiore in quantità, in qualità e in sicurezza. Inoltre alcune strutture sono aperte solo a cena o solo a pranzo e prenotare può mettervi al sicuro da cattive sorprese, poichè non tutte le informazioni relative alle strutture sono pubblicabili sulla Guida per ragioni di spazio.

Asporto*:
Nel Network non sono presenti strutture che effettuano solo servizio di asporto (pizzerie al taglio, gastronomie ecc...).
Diversamente se esercenti che forniscono già servizio ai tavoli, volessero, per loro libera scelta, offrire anche l'opzione dell'asporto sia per la pizza che per altre pietanze, esso è disciplinato secondo regole codificate, relative ai contenitori e al loro stoccaggio ed individuazione; anche questo servizio viene monitorato dall'attività periodica dei Tutor regionali.

Segnalazioni:
Per ogni eventuale inosservanza rilevata, relativamente a tutte le strutture pubblicate su queste pagine, si prega di inoltrare una relazione dettagliata tramite fax o mail a:
- Segreteria AIC Regionale di appartenenza;
- Segreteria Nazionale AIC Alimentazione Fuori Casa (fax 0883.1950213; email: ristorazione@celiachia.it) con oggetto “segnalazione - inosservanza”.
Le segnalazioni dovranno essere inoltrate entro un mese dalla verificata inosservanza, indicando con precisione il nome del locale, il luogo e la data. Non saranno accettate segnalazioni anonime, per cui è richiesto nome e cognome del segnalante anche se tali dati, nel rispetto della privacy, non saranno diffusi.
Verranno prese in considerazione soltanto segnalazioni inerenti alla cucina/colazione/gelati senza glutine, mentre non potranno essere prese in considerazione segnalazioni di altra natura (costi, igiene, educazione, prenotazione, ecc...) in quanto non inerenti al Progetto Alimentazione Fuori Casa.

La vostra collaborazione contribuirà a migliorare il Progetto AIC Alimentazione Fuori Casa e la qualità del servizio offerto dagli esercizi del Network.

Il Team di Tutor AIC monitora gli esercizi della catena effettuando verifiche ed offrendo la collaborazione necessaria, ma resta inteso che AIC non si assume alcuna responsabilità la quale rimane esclusivamente dell’azienda che offre il servizio.

Team AIC Alimentazione Fuori Casa

expo_2015.jpg

Copyright©2001, Associazione Italiana Celiachia Onlus. Tutti i diritti riservati. All rights reserved. Ogni diritto sulle banche dati è riservato.