accedi-icon

I dolcificanti sono permessi nella dieta senza glutine?

Condividi su facebook
Condividi su twitter

Oggi trovano molta diffusione zuccheri diversi dal comune zucchero da tavola (saccarosio).
Fra i più diffusi ricordiamo:

  • il destrosio, ovvero glucosio prodotto a partire da amido dei cereali, principalmente dal mais. Non contiene glutine. Per maggiori approfondimenti clicca qui
  • il fruttosio ovvero lo zucchero della frutta, anche questo non contiene glutine. Può essere indicato ai diabetici per la preparazione dei dolci in sostituzione dello zucchero.

In commercio sono anche presenti diversi tipi di dolcificanti composti da altri ingredienti e con nomi di fantasia; per il consumo di questi prodotti si consiglia di verificare la presenza della dicitura “senza glutine”.

Un esempio sono i prodotti “a base di stevia” o definiti “stevia”, questi non sono puri ma addizionati di altri ingredienti. Questi prodotti sono considerati a rischio per il celiaco, e possono quindi essere consumati solo se riportanti in etichetta il claim “senza glutine”.
Viene invece considerata permessa al celiaco la stevia pura quindi se reperita in foglie intere, essiccate o polverizzate (ma senza l’aggiunta di altri ingredienti/coadiuvanti) oppure la stevia fresca (pianta).

Ricordiamo infine che AIC suggerisce sempre di attenersi preferibilmente alle disposizioni del medico curante e alle avvertenze riportate in etichetta per il consumo di questi specifici prodotti.

 

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Torna al sito regionale

Questo sito web utilizza cookies tecnici e di terze parti, anche di analisi statistica, al fine di migliorare l’esperienza di navigazione e le funzionalità. I cookie di analisi possono essere trattati per fini non tecnici dalle terze parti. Per avere maggiori informazioni e negare il consenso ai cookies clicca qui