accedi-icon

Per fare diagnosi di celiachia, devo necessariamente andare dal medico e fare gli esami in ambulatorio, o ci sono alternative?

Condividi su facebook
Condividi su twitter
La diagnosi è un atto medico, deve essere eseguita da medici in un setting dedicato. È utile ricordare, inoltre, che solo la diagnosi del medico consente il riconoscimento dello stato di paziente celiaco e la conseguente attivazione dell’assistenza integrativa prevista dal SSN in Italia per la celiachia e dermatite erpetiforme.

AIC si è sempre impegnata a sostenere e diffondere la cultura e la buona pratica della diagnosi sia presso la popolazione generale sia presso la comunità medica, uniformemente a quanto condiviso a livello nazionale, ministeriale e internazionale. La diagnosi è un atto medico, deve essere eseguita da medici in un setting dedicato: ospedale, ambulatori…, e la valutazione dei sintomi deve necessariamente essere validata da un medico. La corretta diagnosi di celiachia attraverso esami e consulti medici è fondamentale in modo da favorire un’adeguata terapia e da evitare che i soggetti non diagnosticati in modo corretto siano esposti alle complicanze, spesso gravi, della celiachia stessa. È utile ricordare, inoltre, che solo la diagnosi del medico consente il riconoscimento dello stato di paziente celiaco e la conseguente attivazione dell’assistenza integrativa prevista dal SSN in Italia per la celiachia e dermatite erpetiforme.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Torna al sito regionale

Questo sito web utilizza cookies tecnici e di terze parti, anche di analisi statistica, al fine di migliorare l’esperienza di navigazione e le funzionalità. I cookie di analisi possono essere trattati per fini non tecnici dalle terze parti. Per avere maggiori informazioni e negare il consenso ai cookies clicca qui